Tag: minori

La testimonianza dei minori

La testimonianza dei minori

Definizioni e procedure sulla valutazione del minore testimone:

 

Nell’affrontare il tema della valutazione del minore testimone è necessario distinguere tra idoneità e capacità a testimoniare e tra efficienza, attendibilità e accuratezza della testimonianza.

  • Idoneità: possesso di adeguate competenze strumentali (senso-motorie) e sufficienti competenze linguistiche e comunicative necessarie per il tipo di testimonianza richiesta (es.: una persona cieca non è idonea a fornire una testimonianza oculare).
  • Capacità: presenza della normale funzione della memoria (già a 2 anni circa, un bambino possiede la capacità di percepire, immagazzinare, ritenere e rievocare uno stimolo).
  • Efficienza: il diverso grado di precisione e di completezza con cui è ricordato un evento in funzione del diverso stadio evolutivo di un individuo (es.: un bambino piccolo può non ricordare con la stessa efficienza di un adulto un evento di cui ha fatto esperienza).
  • Attendibilità: assunta corrispondenza tra ciò che il testimone ricorda e ciò che è accaduto.
  • Accuratezza: accertata corrispondenza tra ciò che il testimone ricorda e ciò che è accaduto.

Va precisato che possedere una normale capacità di memoria non garantisce l’idoneità a testimoniare, mentre si può essere idonei a testimoniare pur possedendo una difettosa capacità di memoria.

Per accertare l’idoneità, possono essere necessarie competenze mediche e/o psicologiche; per valutare la capacità di memoria, sono necessarie competenze di tipo psicologico; per valutare le condizioni della (o raccogliere la) testimonianza, sono necessarie competenze di psicologia giuridica e/o criminologia; per valutare lo stato psichico ed emotivo del minore, sono necessarie competenze di psicologia clinica.

 

Fonti:
AIPG Italia


Hai bisogno di approfondire?

Contattami:

 

La gestione della rabbia

La rabbia, soprattutto quella dei bambini, viene spesso associata a qualcosa da inibire e socialmente  ‘scomoda’, il che a volte è vero, ma altrettanto spesso ci si dimentica della sua valenza adattiva, vediamo perché.
In determinate situazioni, la rabbia funge da campanello da allarme segnalandoci ad esempio la violazione dei propri diritti, un’ingiustizia nei nostri confronti o che qualcuno potrebbe arrecarci un danno.

Read More